Via libera alla bonifica della discarica della Maza di Arco

La Provincia ha dato il via libera, su proposta dell’assessore all’Ambiente, Mauro Gilmozzi, al nuovo progetto di bonifica della discarica della Maza di Arco (nella foto in alto dell’archivio dell’Ufficio Stampa della Provincia).

Il vecchio progetto, autorizzato nel 2011, con cui si prevedeva la copertura del primo lotto, non è compatibile con le nuove previsioni viabilistiche per l’area dell’Alto Garda legate alla realizzazione della “San Giovanni-Cretaccio”. Per questo motivo, l’Agenzia provinciale per le opere pubbliche, ha redatto un nuovo progetto di bonifica che prevede l’asportazione del lotto, tranne la parte della cosiddetta “Vasca Broz”, che viene messa in sicurezza tramite capping (lo stato superficiale che va a coprire i rifiuti della discarica). I rifiuti rimossi verranno trattati in loco.

La discarica verrà quindi successivamente stabilizzata ed inertizzata mediante calce e cemento, producendo un aggregato solido e senza cessioni all’ambiente che verrà depositato in sito al posto dei rifiuti escavati. La parte più grossolana verrà pressata e posta nel bacino del lotto 2 della discarica, completandone i volumi ancora disponibili.

Il sito utilizza cookie di terze parti per migliorare i servizi e analizzare il traffico. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi