Parco Nazionale dello Stelvio-Trentino: 123.000 escursionisti lungo i 90 km di sentieri

123 mila escursionisti lungo la rete di 90 chilometri di sentieri; 142 mila passaggi sul ponte sospeso di Rabbi; 16 mila visitatori all’Area faunistica di Peio Fonti; 123 attività estive con oltre 3 mila partecipanti; 33 escursioni sulla neve con 600 turisti: sono solo alcuni numeri sull’intensa attività svolta dal Parco Nazionale dello Stelvio-Trentino durante il 2017. Un anno che sarà ricordato dalla parte trentina del Parco (amministrato dal 2016 direttamente dalla Provincia autonoma di Trento-Servizio sviluppo sostenibile e aree protette), per le numerose iniziative realizzare, illustrate proprio oggi dal presidente del Comitato provinciale di indirizzo e coordinamento, il sindaco di Rabbi, Lorenzo Cicolini e dal direttore del Parco nonché dirigente del Servizio sviluppo sostenibile e aree protette della Provincia, Claudio Ferrari

(Foto di T. Mochen, archivio Ufficio stampa PAT)

L’elenco delle attività e dei lavori eseguiti è davvero lungo, tra queste la stesura del Piano di Parco, redatto di concerto con i settori lombardo e altoatesino del Parco Nazionale e con il Ministero dell’Ambiente.

«Il lavoro di pianificazione, tuttora in corso – hanno spiegato Cicolini e Ferrari – ha richiesto una profonda attività di analisi, l’aggiornamento delle cartografie, la definizione degli obbiettivi operativi e la stesura delle norme di attuazione e il regolamento».

Nel 2017 sono state stilate la Convenzione con il Servizio foreste e fauna per regolare l’attività delle Stazioni forestali che esercitano la vigilanza nel Parco e un’altra convenzione con la SAT per la gestione e manutenzione dei sentieri.

In coordinamento con gli altri settori del Parco sono proseguite le attività di ricerca scientifica e monitoraggio. Oltre ai monitoraggi standardizzati a lungo termine di ungulati, rapaci e carnivori sono stati seguiti alcuni progetti specifici quali un’applicazione di metodi di valutazione quantitativa in popolazioni di marmotta e uno studio su distribuzione e fenologia di rettili e anfibi in relazione ai cambiamenti climatici.

Il settore della comunicazione ha visto numerosi passaggi televisivi, trasmissioni radio e articoli sulla stampa locale. Numerose anche le iniziative per coinvolgere i turisti alla scoperta delle bellezze naturali e culturali del Parco, come le passeggiate notturne e gli eventi come il Bioblitz e la visita agli opifici della Val di Rabbi.

Nel corso dell’anno sono stati affidati diversi incarichi per la progettazione di nuove strutture o per il miglioramento di quelle esistenti, tra cui la nuova tettoia a servizio della segheria di Cogolo, ampliamento e il nuovo allestimento del Masetto inferiore presso l’area faunistica di Peio, la progettazione dell’allestimento del percorso per malga Talé e di un “sentiero dell’acqua” a Plan. Altri progetti riguardano un masterplan che interessa la zona tra Piazzola, Somrabbi e Plan per la sua valorizzazione complessiva, l’affidamento al MUSE della progettazione di massima della Casa del Parco a Rabbi e la messa a norma e adeguamento della foresteria Rabbi, la redazione di un manuale tipologico per gli arredi del parco. Nel corso dell’anno si è arrivati alla definizione dei piani delle malghe della Val di Pejo e all’affidamento dei piani delle malghe della Val di Rabbi.

 

(Foto di N. Angeli, archivio Ufficio Stampa PAT)

Nel corso di tutta la stagione , da metà aprile ai primi di novembre i 31 operai del Parco, divisi in squadre, si sono occupati della manutenzione territorio del parco con numerosi interventi, sia di manutenzione ordinaria di strade e sentieri che più puntuali. Si sono effettuate 870 giornate di lavoro per la manutenzione di circa 90 km di sentieri e relativa segnaletica, 725 giornate per la manutenzione di quasi 100 km di strade forestali, 280 giornate per la realizzazione e riparazione di staccionate, 332 giornate per la realizzazione e manutenzione aree di sosta. E’ stata effettuata anche una manutenzione straordinaria del parco giochi di Còler.

Nel corso dell’estate sono state realizzate e poste in funzione 10 stazioni di ricarica per e-bike presso altrettante malghe (Frattasecca, Mare, Fratte, Maleda alta, Monte sole alta, Caldesa bassa, Stablasolo) o rifugi (Fontanino, Scoiattolo, Doss dei Cembri).

Al fine di valutare la percorrenza dei sentieri sono stati posizionati 6 sistemi conta persone che hanno fornito dati interessanti, oggetto di una prossima valutazione. In 6 mesi sono stati registrati  circa 123 mila passaggi, oltre ai 142 mila del ponte sospeso di Rabbi.

In collaborazione con il Comune di Rabbi è stata effettuata la gestione dei parcheggi di Coler e Plan, unitamente al servizio di bus navetta per Stablasolo. Allo stesso modo è stato gestito il servizio di mobilità dolce verso altre malghe di Rabbi. I parcheggi hanno servito circa 15.800 automobilisti, mentre i bus navetta hanno registrato 18.700 passeggeri.

Sempre nel campo della mobilità sono state effettuate 4 giornate di sperimentazione (Peio Greendays) per l’accesso con mezzi collettivi a Peio, in Val del Monte e Val de la Mare, riscuotendo un buon successo.

Altro importante settore è quello dell’attività didattica rivolta alle scuole, sia del Parco che della Val di Sole e di tutto il Trentino ha visto la partecipazione di 2.254 ragazzi, cui vanno aggiunti 130 studenti (Istituto comprensivo di Cles e Istituto agrario di San Michele a.A.) che hanno partecipato alle proposte del parco relative al bramito del cervo, alloggiando nel territorio.

(Foto di copertina T. Mochen, archivio Ufficio stampa PAT)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Il sito utilizza cookie di terze parti per migliorare i servizi e analizzare il traffico. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi