Parco nazionale dello Stelvio: approvati il “Progetto del Piano” e il “Regolamento”

La Giunta provinciale ha approvato il “Progetto del piano” e il “Regolamento” del Parco nazionale dello Stelvio. Ora il percorso proseguirà con l’attivazione di processi partecipativi voluti per assicurare il pieno coinvolgimento di cittadini, enti e associazioni nelle scelte strategiche e di pianificazione.

«Il piano e il regolamento sono stati condivisi con il Comitato di coordinamento provinciale, presieduto dal sindaco di Rabbi Lorenzo Cicolini – ha spiegato l’assessore provinciale all’Ambiente, Mauro Gilmozzi – al quale compete il processo partecipativo e di condivisione con la comunità, coordinato con l’Unità di missione strategica provinciale “Trasparenza, partecipazione ed elettorale”. Si tratta di un passaggio organizzativo e gestionale che porta con sè anche un’idea di futuro e modalità nuove per dare protagonismo a chi in prima persona vive il Parco e deve considerarlo sempre di più come un’opportunità».

(Foto archivio Ufficio stampa PAT)

 

La filosofia di gestione del Parco si basa su alcuni principi: la sussidiarietà responsabile, con la delega gestionale ai territori, la partecipazione attiva della popolazione, per un Parco che sia un’opportunità per valorizzare il territorio, l’integrazione delle politiche di conservazione con quelle dello sviluppo sostenibile.
Tra gli obiettivi generali e gli indirizzi gestionali si parla di conservazione delle specie e degli habitat, di tutela della biodiversità, di attrattività del territorio e di qualità della vita. Un capitolo è dedicato all’attività di ricerca scientifica e di monitoraggio delle risorse naturali e grande spazio è dedicato anche alla promozione dell’educazione e della formazione per rafforzare il legame tra la popolazione e il territorio. Attenzione è riservata inoltre alla tutela e alla gestione del patrimonio di fauna e flora, nonché alle attività agro-silvo-pastorali, considerate importanti per la conservazione e la tutela di habitat e paesaggi caratteristici del territorio alpino.
L’assetto del Parco Nazionale dello Stelvio è molto cambiato negli ultimi anni. Il 23 febbraio del 2016, a seguito dell’intesa dell’anno precedente tra lo Stato, le Province autonome di Trento e Bolzano e la Regione Lombardia, è entrato in vigore il decreto di modifica delle norme di attuazione che ha attribuito alla Provincia autonoma di Trento le funzioni amministrative per il Parco Nazionale dello Stelvio per la parte che si trova sul suo territorio.
Per garantire unitarietà di obiettivi nel campo della conservazione e dello sviluppo sostenibile è stato istituito un Comitato di coordinamento ed indirizzo di livello nazionale, composto da rappresentanti dell’amministrazione statale, delle Province autonome di Trento e Bolzano, della Lombardia, dei comuni e delle associazioni ambientaliste. Costituitosi nel giugno scorso, il Comitato ha approvato le linee guida per il piano del parco lo scorso mese di gennaio.

Lo scorso mese di ottobre è stato costituito anche il Comitato provinciale di coordinamento e d’indirizzo che tra le sue funzioni ha anche quella di garantire una gestione del parco partecipata e condivisa con il territorio. Negli ultimi mesi, grazie al lavoro di numerosi tavoli di confronto e partecipazione sono state approvate le misure di conservazione dei siti di Natura 2000 del Parco e anche il programma triennale degli interventi.

Il sito utilizza cookie di terze parti per migliorare i servizi e analizzare il traffico. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi