Orsi e lupi: aggiornato il “Piano di comunicazione” della Provincia

La Provincia autonoma di Trento ha aggiornato il “Piano di comunicazione” per gli orsi e i lupi, vale a dire lo strumento operativo che, oltre a contenere le finalità generali e gli obiettivi del Piano stesso, stabilisce i “messaggi chiave” e i criteri che possono rendere più incisiva ed efficace la strategia di comunicazione, le iniziative programmate nei prossimi due anni per aumentare nell’opinione pubblica e nelle categorie di cittadini più direttamente interessate la conoscenza dei grandi carnivori, nonché le azioni di monitoraggio. Nel Piano è contenuto anche il “Protocollo comunicazioni nelle situazioni critiche“, cioé lo strumento d’indirizzo e di gestione delle azioni di comunicazione da attuare in presenza di situazioni non ordinarie, critiche e/o di emergenza legate alla presenza o all’attività di orsi “problematici”, diversamente definiti “dannosi” o “pericolosi” a seconda del loro comportamento.

«Il piano – ha spiegato l’assessore provinciale al turismo, agricoltura e foreste, Michele Dallapiccola –  è uno strumento operativo che dice certamente chi fa che cosa, ma vuole interpretare anche una nuova “filosofia” che vede l’orso e il lupo al contempo come animali selvatici e come elementi importanti e caratterizzanti del territorio trentino, ai quali dedicare una comunicazione trasparente, chiara e precisa, tempestiva e aderente ai dati di fatto ed alle evidenze di tipo scientifico».

Il Piano, frutto di un lavoro congiunto tra Servizio foreste e Fauna della Provincia autonoma di Trento, Parco Naturale Adamello Brenta, Museo delle Scienze MUSE, SAT, Trentino Marketing con il coordinamento dell’Ufficio Stampa della Provincia, prevede diverse azioni di comunicazione: dal Tavolo permanente di confronto con le categorie economiche interessate alla presenza dell’orso (allevatori, apicoltori, pastori, agricoltori) alle campagne di comunicazione rivolte alla generalità della popolazione; dai rapporti con i media alla presenza sui social network; dalle serate informative, agli educational per insegnanti, giornalisti, amministratori, operatori del settore turistico (albergatori, ristoratori, addetti delle Apt) e della montagna (guide alpine, accompagnatori di media montagna e di territorio…); dalla formazione del personale delle strutture provinciali coinvolte nelle tematiche di conservazione dell’ambiente alle proposte didattiche per le scuole, dal materiale informativo rivolto ai turisti (compresi i pannelli informativi e la segnaletica diffusa nelle aree di presenza degli orsi) ai convegni e alla pubblicistica di carattere scientifico.

«Abbiamo l’ambizione – ha spiegato ancora Dallapiccola – di riuscire a far passare il concetto che se un orso manifesta comportamenti problematici, la valutazione di come rispondere dev’essere quanto più puntuale e precisa, operata caso per caso, calibrata sullo specifico esemplare di orso singolo, in modo che a farne le spese non sia, come fino ad ora è accaduto, la “reputazione” di tutti gli altri».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Il sito utilizza cookie di terze parti per migliorare i servizi e analizzare il traffico. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi