” Key to Health”: il progetto pilota per promuovere stili di vita sani anche sul lavoro

Dal prossimo aprile la Fondazione Bruno Kessler (FBK) diventerà il campo di sperimentazione del progetto pilota che mira a promuovere stili di vita sani sui luoghi di lavoro e a prevenire l’insorgere di malattie croniche, agendo in particolare sull’alimentazione e l’attività fisica.

Alla sua attuazione stanno lavorando le principali istituzioni attive nel campo della salute e della prevenzione sui luoghi di lavoro: il Dipartimento salute e solidarietà sociale della Provincia autonoma di Trento, l’Unità operativa prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro (Uopsal) dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari e l’INAIL – Direzione Provinciale di Trento.

La sperimentazione sarà possibile grazie a “TreCLifeStyle”, un sistema di coaching virtuale che verrà utilizzato dal personale FBK, selezionato su base volontaria, per circa sei mesi. “TreCLifeStyle” è una applicazione mobile sviluppata dalla Fondazione Bruno Kessler che, combinata con altre azioni, come il supporto di professionisti della salute o interventi sulla mensa e il coinvolgimento del circolo ricreativo aziendale, seguirà gli utenti in un percorso per ridurre un rischio già esistente o per prevenire l’insorgenza di malattie attraverso una modifica consapevole degli stili di vita.

Oltre agli interventi tecnologici, il progetto “Key to Health” prevede anche un insieme di interventi professionali e organizzativi diretti a tutti i lavoratori dell’azienda. In primo luogo, i lavoratori reputati a rischio, dopo una prima fase di valutazione curata dal medico competente, saranno assistiti dallo stesso e da un servizio di counselling, importanti per supportare la persona in un percorso di miglioramento dello stile di vita. Allo stesso tempo, si organizzeranno iniziative al fine di informare i dipendenti FBK dell’importanza dell’alimentazione e dell’attività fisica per la riduzione del rischio.

I risultati del progetto saranno diffusi presso la comunità territoriale e la comunità scientifica, con il fine di favorire la circolazione e incrementare la conoscenza esistente del concetto di promozione della salute nei contesti occupazionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Il sito utilizza cookie di terze parti per migliorare i servizi e analizzare il traffico. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi