Il Nobel premia la “chimica verde”

Si potrebbe dire due notizie in una quella con la quale l’Accademia reale svedese delle scienze ha assegnato il premio Nobel per la Chimica 2018: la prima è che il premio è stato assegnato per la prima volta nella storia del Nobel per la chimica a una donna, l’americana Frances H. Arnold; insieme a lei sono stati premiati i chimici George P. SmithSir Gregory P. Winter. La seconda è che il premio è stato conferito per le importanti ricerche di questi tre scienziati sulla cosiddetta chimica verde.

Le ricerche di Arnold si sono concentrare sugli enzimi (ossia catalizzatori, costituite soprattutto da proteine prodotte da cellule vegetali e animali, che svolgono una funzione fondamentale per le funzioni metaboliche di un organismo vivente). In particolare la scienziata americana è riuscita con i suoi studi a dimostrare la possibilità di controllare e manipolare gli enzimi con applicazioni fondamentali per la produzione di sostanze chimiche ecologiche, tra le quali farmaci, soprattutto antitumorali, e biocarburanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Il sito utilizza cookie di terze parti per migliorare i servizi e analizzare il traffico. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi