Grumes: 10 anni di impegno per il turismo sostenibile

Da tempo il paese di Grumes in val di Cembra, per tramite della società “Sviluppo Turistico Grumes”, è impegnato nel recupero del patrimonio edilizio, culturale e ambientale del proprio passato agricolo per dare modo a residenti e ospiti di vivere il territorio in modo responsabile e in armonia con l’ambiente e con l’identità del luogo.

Ciò che si è con insistenza cercato di offrire è un turismo rispettoso dell’ambiente, attraverso la creazione e valorizzazione di itinerari culturali e naturalistici. Si tratta di una delle scommesse più coraggiose e innovative nate in ambito turistico provinciale. Una scommessa che ha coinvolto tutta l’alta Val di Cembra e sulla quale, a 10 anni dalla sua nascita, Sviluppo Turistico Grumes ha organizzato, sabato 2 dicembre.alle 9.30. al Teatro Le Fontanella, un convegno-confronto pubblico dal titolo “”VERSO. Valori. Economia. Rete. Sostenibilità. Ospitalità. Percorsi di turismo sostenibile e di comunità per lo sviluppo locale: un confronto tra territori verso nuovi progetti.”

L’occasione sarà ottima per ragionare sul percorso fatto e su quello da sviluppare in futuro, attraverso un dibattito aperto e il confronto con buone pratiche di turismo sostenibile e di comunità in altri territori della penisola.
Le ore del mattino verranno dedicate ai primi 10 anni di attività di Sviluppo Turistico Grumes. Ai partecipanti verrà quindi offerto un pranzo con prodotti locali e biologici preparato dall’associazione BioBono. Il convegno proseguirà nel pomeriggio con la presentazione di buone pratiche di turismo sostenibile e di comunità provenienti da altri territori, per favorire il confronto e il dibattito aperto. La giornata si concluderà con una tavola rotonda per presentare e condividere progetti presenti e futuri.

PROGRAMMA

I nostri perché
Pio Rizzolli. Presidente Sviluppo Turistico Grumes dal 2007 al 2015

ViviGrumes: la scommessa del turismo slow
Elisa Travaglia, Responsabile promozione Sviluppo Turistico Grumes

Le società partecipate: possibili evoluzioni
Alceste Santuari, Professore di Diritto dell’Economia degli Enti no profit e di partenariati pubblico-privati, Università di Bologna

L’importanza di “fare rete” all’interno di una comunità
Associazione Grumestieri e Associazione BioBono – Turismo e Agricoltura Contadina

Piccole imprese rurali lavorano per l’ospite in Valle dei Mocheni: l’Associazione Pirlo e il progetto Bollait per dare nuovo valore al territorio e ai suoi prodotti
Comitato Bollait – Gente della Lana

L’esperienza dalla Cooperativa di Comunità “Valle dei Cavalieri” (Succiso, Reggio Emilia) per combattere lo spopolamento (Oreste Torri)

Impresa sociale e turismo: una risorsa per i giovani
Alberto Dassisti, Prodomo Impresa Sociale (Lodi)

TAVOLA ROTONDA
• Sentiero dei Vecchi Mestieri e Festival Contavalle – Tommaso Pasquini, Associazione PuntoDoc
• Progetto di Ospitalità diffusa ad Altavalle – Maura Gaperi, Natourism
• Rete di Riserve Alta Val di Cembra-Avisio – Paolo Piffer, coordinatore
• Cittaslow International – Piergiorgio Oliveti

Il sito utilizza cookie di terze parti per migliorare i servizi e analizzare il traffico. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi