Grandi carnivori, intese tra Trento e Bolzano

Per la gestione dei grandi carnivori si sono incontrati il personale tecnico delle Province di Trento e Bolzano. Al via nuove iniziative congiunte

La gestione dei grandi carnivori delle Alpi, orso bruno, lupo e lince è tra i temi principali e delicati per le Province autonome di Trento e Bolzano. Ogni anno il personale tecnico dei due enti che si occupa della gestione di questi specie alpine s’incontra, alternativamente in Trentino ed in Alto Adige/Südtirol, per un aggiornamento e un confronto a 360 gradi sulle questioni più rilevanti.

In questa immagine l'incontro annuale tra i tecnici delle Province di Trento e Bolzano sulla gestione dei grandi carnivori
Nella foto un momento dell’incontro sui grandi carnivori tra i tecnici delle Province autonome di Trento e Bolzano che si è svolto quest’anno ai Laghi di Monticolo (foto archivio Ufficio stampa Pat)

L’appuntamento di quest’anno si è tenuto in provincia di Bolzano, ai laghi di Monticolo. Sono stati analizzati numerosi aspetti relativi alla gestione dei grandi carnivori: dal monitoraggio e la gestione coordinata dei branchi di lupo gravitanti nei territori di confine, all’analisi sui primi dati del 2018 relativi alle attività di prevenzione dei danni, fino alla programmazione di alcune attività congiunte previste per il 2019.

La situazione dei grandi carnivori in Trentino

Per avere una situazione aggiornata sulla presenza dei grandi carnivori in Trentino ci si può collegare sul sito dedicato della Provincia autonoma di Trento  https://grandicarnivori.provincia.tn.it

Il relativo Servizio Foreste e Fauna predispone ogni anno il documento “Rapporto grandi carnivori” con descritta la situazione delle popolazioni di orso bruno, lupo e lince in Trentino e le relative attività ed implicazioni gestionali ad esse collegate. Questo documento ha lo scopo di fornire un’aggiornamento dettagliato sullo status delle popolazioni di orso bruno, lupo e lince presenti in Trentino e nelle regioni adiacenti e di registrare in maniera sistematica una serie di dati scientifici ed oggettivi.

In questa immagine una famiglia di orsi bruni mentre si alimenta con le nocciole (foto P. Martinelli - Archivio Servizio foreste e fauna Pat)
Un’orsa con i propri piccoli si alimenta con i frutti degli alberi di nocciolo (foto di P. Martinelli – Archivio Servizio foreste e fauna PAT)

In base all’ultimo rapporto relativo al 20017 è stata stimata la presenza di 8 nuove cucciolate, per un totale di 11-13 cuccioli. Il numero minimo certo di animali giovani e adulti presenti nel 2017 risulta di 43 esemplari, dei quali 20 maschi e 23 femmine.

In questa immagine una lince in invernoTra i grandi predatori in Trentino vive anche la lince (Foto C. Frapporti - Archivio Servizio Foreste e fauna Pat)
Tra i grandi predatori in Trentino vive anche la lince (Foto C. Frapporti – Archivio Servizio Foreste e fauna Pat)

Per quanto riguarda il lupo, in base al rapporto, in Trentino è stata rilevata la presenza di 6 branchi (o gruppi famigliari) e 1 coppia. Per quanto attiene, invece, la lince è presente un solo esemplare,  un maschio denominato B132, proveniente dalla piccola e reintrodotta popolazione svizzera del Canton S. Gallo. Dal novembre del 2012 B132 si è stabilita nella porzione più sud-occidentale della provincia, in particolare tra i monti della Val d’Ampola (versanti di Tremalzo e Lorina in sinistra orografica e del monte Stigolo in destra) e quelli in destra Chiese sopra Darzo e Lodrone, al confine con Brescia

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Il sito utilizza cookie di terze parti per migliorare i servizi e analizzare il traffico. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi