Gli studenti di Andalo e Spormaggiore vanno a scuola di montagna

L’insegnamento della montagna nei suoi vari aspetti, da quelli culturali, alle trazioni,  dall’ambiente e la sua salvaguardia, alle innumerevoli attività sportive che offre (arrampicata, trekking, sci, mountain bike) finalmente è stato messo in pratica grazie al progetto “Scuola montagna” che partirà a livello sperimentale quest’anno nella scuola secondaria di primo grado di Andalo e Spormaggiore, dell’Istituto comprensivo Mezzolombardo-Paganella.

Grazie a questa iniziativa, sostenuta dall’Istituto Comprensivo Rotaliana-Paganella, diretto da Andrea Bezzi, dalla Provincia autonoma di Trento, dai Comuni dell’altopiano della Paganella e dalla Comunità della Paganella, la montagna diventerà una vera e propria materia scolastica. Il progetto sarà coordinato dalla docente Rossella Del Franco.

“L’iniziativa – hanno spiegato i docenti – punta a sviluppare le attitudini motorie e sportive dei ragazzi, la conoscenza del proprio corpo e delle sensazioni ed emozioni in relazione all’ambiente naturale, la socializzazione, la conoscenza del territorio montano in genere e del Trentino in particolare, le tradizioni, i lavori e le professionalità legate all’ambiente e al turismo. Tutto ciò attraverso la pratica sportiva di varie discipline, con il supporto di professionisti qualificati, maestri di sci, guide alpine, accompagnatori di territorio e di mezza montagna, istruttori di nordic walking, istruttori di mountain bike). La scuola diventa quindi luogo privilegiato per la trasmissione di queste conoscenze, ampliando così il suo orizzonte educativo e le sue competenze”.

Nella pratica, vengono utilizzate sia le ore curriculari di scienze motorie e sportive, sia le ore opzionali da dedicare alle attività facoltative. Nel corso dell’anno scolastico si praticheranno diverse attività sportive legate alla stagionalità: mountain bike e arrampicata sportiva in primavera e autunno, sci ed escursioni con le ciaspole in inverno. Il tutto accompagnato da approfondimenti sulla conoscenza della montagna a 360° (flora, fauna, geologia e morfologia del territorio, meteorologia, clima).

Specifici moduli multidisciplinari saranno dedicati alla conoscenza degli aspetti storico-sociali della gente di montagna, attraverso letture antologiche selezionate e moduli didattici ad hoc. Le attività verranno pianificate in modo da consentire un’ampia partecipazione alle stesse, anche da parte di chi ha delle disabilità.

Il progetto “Scuola montagna” potrebbe in questo senso proporsi anche come propedeutico a indirizzi di studio già presenti in regione, come il Liceo della montagna, il Liceo sportivo e lo Ski College.

Il sito utilizza cookie di terze parti per migliorare i servizi e analizzare il traffico. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi