Fringuello alpino dalle ali “caffè latte”

Il fringuello è uno dei passeriformi più affascinati delle alte quote, dove ha imparato a convivere con l’uomo

Il suo nome può trarre in inganno, perché nonostante si chiami fringuello le sue caratteristiche fisiche sono molto più simili a quelle di un passero: è il fringuello alpino, uno degli uccelli più affascinanti degli ambienti rocciosi d’alta quota, facilmente riconoscibile per alcuni aspetti che lo rendono inconfondibile.

In questa immagine il fringuello alpino (foto di Jacopo Rigotti)
Il fringuello alpino fotografato all’alba (foto Jacopo Rigotti)

Cosa caratterizza il fringuello alpino? 

Sicuramente sono tre gli aspetti singolari di questo simpatico passeriforme (il suo nome scientifico è (Montifringilla nivalis): 

In questa immagine due fringuelli alpini con le ali aperte di colore bianco e nero (foto Jacopo Rigotti)
Due fringuelli alpini. Si possono notare le ali bianche e nere (foto Jacopo Rigotti)
  • le sue ali e la coda che sono bianche e nere, come il caffè latte. È l’unico uccello alpino ad avere questi colori, visibili soprattutto quando è in volo.
  • il carattere particolarmente socievole. Specie gregaria, soprattutto in inverno, vive spesso in stormi numerosi che possono essere composti anche da centinaia di esemplari. 
  • non ha paura dell’uomo. Vivendo a quote elevate per procurarsi il cibo (è un onnivoro, ma predilige gli invertebrati) frequenta soprattutto in inverno luoghi come rifugi, bivacchi, costruzioni di alta montagna, dove sa che può trovare cibo o degli anfratti dove costruire il nido per la riproduzione.

Ma è vero che il becco cambia di colore secondo la stagione?

Sì, questa è un’altra delle caratteristiche di questo uccello alpino: il suo becco è nero durante la stagione riproduttiva (tra maggio è giugno) e tra il giallo e l’arancio in inverno (questo colore del becco è tipico anche dei giovani).

n questa foto dei fringuelli alpini si riposano sulla neve (foto Jacopo Rigotti)
Fringuelli alpini sulla neve. Si possono notare i becchi dal colore giallo arancio, tipicamente invernale (foto Jacopo Rigotti)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Il sito utilizza cookie di terze parti per migliorare i servizi e analizzare il traffico. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi