Aumentano gli aiuti per le attività economiche di montagna

Più sostegno alle attività economiche di montagna, con aiuti che per alcune attività vengono elevati da 10 mila a 14 mila euro annuali, grazie a un sistema d’incentivazione che ne riconosce la funzione d’interesse generale a beneficio delle comunità. Funzione storicamente riconosciuta dalla Provincia autonoma di Trento e che ora viene riconosciuta anche dall’Europa. Al termine di un percorso intrapreso dalla Provincia, in accordo con Federazione delle Cooperative, con la quale era stato sottoscritto un protocollo d’intesa, è stato infatti possibile ottenere dalla Commissione europea il riconoscimento dell’attività svolta in questi esercizi commerciali come “Servizio di Interesse Economico Generale (SIEG)”.

“Abbiamo chiesto e ottenuto dall’Europa – ha spiegato il vicepresidente della Provincia, Alessandro Olivi (nella foto sopra) – questo riconoscimento che ci permetterà di sostenere, con maggiore efficacia, le attività intraprese nelle zone più svantaggiate, il cui sostegno passerà da 10 mila a 14 mila euro all’anno. L’importanza di questa decisione – ha continuato Olivi – frutto di un confronto anche con le piccole realtà comunali, risiede nel fatto che si apre alla possibilità di sostenere in maniera più decisa e articolata queste realtà commerciali, superando i limiti imposti dalla stessa Commissione europea in materia di tutela della concorrenza e nel fatto che il Trentino è la prima realtà in Italia a rendere concreto un sistema di questo genere”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Il sito utilizza cookie di terze parti per migliorare i servizi e analizzare il traffico. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi